Blob Notes #12Mar2013

«Mi chiamo Sara e sono una busta di plastica. Così posso volare! »

-Sara, 10 anni, durante un laboratorio sull’ambiente-

«… E questa busta era lì; danzava, con me. Come una bambina che mi supplicasse di giocare. Per quindici minuti. È stato il giorno in cui ho capito che c’era tutta un’intera vita, dietro a ogni cosa. E un’incredibile forza benevola che voleva sapessi che non c’era motivo di avere paura. Mai…»

Ricky in American Beauty

Annunci

La rivoluzione è femmina!

Immagine tratta da Labodif, istituto che ricerca, forma e comunica, secondo il pensiero della differenza.

Io lo so che non sono sola.
(Bambina fa la sua coreografia per One billion rising. Siamo alla Biblioteca Nazionale di Bucarest, in Romania, ieri 14 febbraio 2013. La Romania, stato dell’Unione Europea, non ha ancora strumenti legali per combattere la violenza maschile domestica, e dunque la polizia non può intervenire se gli atti violenti avvengono nella casa della ‘coppia’).
Photograph: Vadim Ghirda/Ap
Osservatorio LaboDif Dialogues n.11
[Immagine e didascalia tratta da Labodif, istituto che ricerca, forma e comunica, secondo il pensiero della differenza]

 Guardo e riguardo le migliaia di femmine danzanti nel mondo- non ho potuto partecipare al flash-mob, purtroppo. Avevo un colloquio. Ma questa è un’altra storia- .

Le guardo e le riguardo, per vivere e rivivere la bellezza della loro energia, dei loro sorrisi. Che è anche la mia e che sono anche i miei. E mi emoziono. Mi emoziono fino a piangere. E me le concedo, le lacrime. Faccio di più, me le godo.

Piango perché sento.

Sento la forza. La forza femmina. La forza della relazione. Quella che mi lascia sentire, vividamente, la sofferenza di una femmina che non ho mai conosciuto. La forza che mi lascia sentire, attraverso gli occhi di un’altra femmina, il mio potere.

Il potere femmina. Quello di creare bellezza dalla sofferenza. 

Piango, perché migliaia di femmine, danzando, hanno sfoderato la loro forza, il loro potere. Hanno creato, insieme, bellezza dalla sofferenza. Piango perché, qualunque cosa sia accaduta o accada, non sono sola.

Femmine di tutto il mondo, quindi, danzate, danzate. Ovunque voi danzerete, non danzerete mai da sole. 

#Blob Notes 30gen2013

Abbraccio amoroso dell'universo -Frida Kahlo-

“Ho capito che il mondo è tutto attaccato”

Bambina di 5 anni

Il pugnale, la seppia e la signora

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Siamo qui per fare degli esperimenti. Degli esperimenti per creare un mondo in cui non si senta il bisogno di usare le armi”.

Questo è il copione che recito, ormai, da più di un mese. Un copione sempre più meccanico, vuoto. La mia platea? Creaturine di energia pura, comunemente detti “bambini”.

A parte il seguito entusiasta dei bimbi abituati a rispondere diligentemente come ci si aspetta da loro, arrivano immancabili i dubbi degli scettici. “Ma come faccio a difendermi?” “è impossibile un mondo senza armi!”  

Continua a leggere