#Blob Notes 31gen2013

Questione di prospettiva da Hub09-Social Design

Via del Campo c’è una graziosa 
gli occhi grandi color di foglia 
tutta notte sta sulla soglia 
vende a tutti la stessa rosa. 

Via del Campo c’è una bambina 
con le labbra color rugiada 
gli occhi grigi come la strada 
nascon fiori dove cammina. 

Via del Campo c’è una puttana 
gli occhi grandi color di foglia 
se di amarla ti vien la voglia 
basta prenderla per la mano 

e ti sembra di andar lontano 
lei ti guarda con un sorriso 
non credevi che il paradiso 
fosse solo lì al primo piano. 

Via del Campo ci va un illuso 
a pregarla di maritare 
a vederla salir le scale 
fino a quando il balcone ha chiuso. 

Ama e ridi se amor risponde 
piangi forte se non ti sente 
dai diamanti non nasce niente 
dal letame nascono i fior 
dai diamanti non nasce niente 
dal letame nascono i fior.

Via del Campo-F. De André-

Grazie Lucio

Lucio Dalla

Occhietti tondi, vivaci. Finestre su uno spirito libero, inquieto, curioso.

Fessure su un animo sensibile, suo malgrado.

Corpo sgraziato, buffo. Specchio di un essere senza senza tempo e senza età.

Teneramente fanciullesco. Dannatamente saggio.

E poi, voce calda, pastosa [cit. Minoli]. Unica. Musica essa stessa.

Note emozionali ed emozionanti.

Interprete magistrale di un sentire universale. Dell’affettività totale [cit. Vecchioni].

Lucio Dalla, quindi. Naturalmente Artista.

Ecco il mistero,
sotto un cielo di ferro e di gesso
l’uomo riesce ad amare lo stesso
e ama davvero
nessuna certezza
che commozione, che tenerezza